La cultura e la letteratura, le armi nella lotta per l’indipendenza

6- Italiano

Il segretario generale di Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah è intervenuto ieri in collegamento video alla cerimonia di apertura del forum della letteratura, presso il Teatro della Vittoria nella città di Ainatha, nella regione di Jabal Amel, nel sud del Libano.

Nasrallah inizia a parlare della diversità dei modi di espressione, incluso il linguaggio e l’arte. La lingua araba è conosciuta per i suoi poeti e filosofi, oltre ad essere la lingua del Corano. Queste modalità di espressione possono essere utilizzate anche in modi rivoluzionari. La cultura e la letteratura sono state utilizzate nella regione di Jabal Amel, durante la lotta per l’indipendenza. Jabal Amel è nota per la sua ricchezza culturale, scientifica e intellettuale.

“La resistenza è una cultura, se questa cultura non esistesse, non avremmo visto tutti questi sacrifici per la nostra terra. Fin dalla fondazione dell’entità sionista c’è stato un dibattito sulla resistenza. Le generazioni più giovani non conoscono la vera storia della resistenza”, afferma il segretario generale.

“Loro non sanno nulla circa le violazioni subite dal nostro cielo, dalla nostra terra e dal nostro mare, perchè non conoscono la storia del Libano. Questa è stata la resistenza di Musa Sadr, la resistenza che ha preferito la morte all’occupazione israeliana. Ogni olivo, ogni provincia, ogni tomba, ogni poesia, ogni sorriso, ogni ferita, è presente in Jabal Amel”, ha dichiarato Nasrallah.

http://italian.irib.ir/radio-cultura/notiziario/notizie/item/156947-nasrallah-la-cultura-e-la-letteratura,-le-armi-nella-lotta-per-l%E2%80%99indipendenza

Write a comment

Comments: 0